Preferenze (lista aperta).

Perché gli incroci servono a capire se si preferisce prendere la stessa strada. 

Preferisco il chiarimento dopo l’incomprensione che la falsa comprensione perenne.

Preferisco lo sguardo che fulmina al bacio che intiepidisce.

Preferisco il “cinematografo” ai corridoi numerati dei multisala.

Preferisco la resa dopo aver lottato che l’arrendersi ancor prima di averci provato.

Preferisco una parola sconvolgente che il continuo vocio da sottofondo, quest’ultimo innervosisce.

Preferisco il sesso dopo la lite furibonda ai gesti ripetuti dell’amore abitudinario.

Preferisco l’incostanza di chi ritorna con un nuovo esperimento da proporre, alla costanza di chi tristemente ripete le solite abluzioni.

Preferisco la conturbante  inafferrabilità del fuggiasco alla stantia fermezza del sedentario.

Preferisco i cani ai gatti, il mare alla campagna e la città alla montagna.

Preferisco chi è disastrato e ribelle perché ne ha passate tante a chi è in pace con se stesso perché accetta tutto così com’è.

Preferisco la qualità alla quantità, sempre.

Preferisco le albe ai tramonti e i viaggi agli spostamenti.

Preferisco le persone indecise, ma interessanti, quelle curiose e un po’ matte, che ti colorano la vita e non sai mai a cosa stanno pensando! Quelle di cui sai che non potrai mai stancarti…

Mancheranno sempre un po’ e non sarai mai sicuro di averle davvero, ma sono le uniche che non smetterai mai di amare e quelle che con ogni probabilità ti avranno amato davvero.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...