Angelo mai, adesso davvero occupato

Non mi intendo di giurisprudenza e leggi italiane perciò lasciamo ai tecnocrati il compito di dire che, come al solito, le istituzioni non avevano comunicano tra loro e che il sequestro è stato voluto dalla procura mentre il comune di Roma non ne sapeva nulla. Lasciamo ai magistrati l’ardua sentenza di accuse partite dalla denuncia di non si sa quale cospiratore. Vorrei esprimere però tutta la mia solidarietà agli artisti e agli organizzatori che lì ci lavorano (ci lavoravano) e che adesso si ritrovano in mezzo alla strada come è stato ieri  per  i gruppi che occupavano i lotti di Via delle Acacie (fortunatamente adesso rientrati).

Probabilmente, alla fine dei conti, sarà stato solo uno spreco di soldi ed energie per le forze dispiegate inutilmente in questi giorni, per i camion della polizia che hanno sigillato la struttura dell’Angelo Mai e per la Digos che sta investigando alla ricerca di non si sa quale illecito poi, visto che si tratta di un centro sociale indipendente e autogestito da tutti i punti di vista (economico in primis).  Non so quale grave e straordinaria  illegalità si aspettino di trovare in un posto che per esistere senza illeciti avrebbe bisogno di qualcosa in più e non in meno…

Vorrei perciò parlare ancora una volta in veste di spettatrice e fruitrice di un’arte che all’Angelo Mai ho visto esprimere nel modo più bello e spontaneo che si possa immaginare, che mi ha dato brividi e sensazioni uniche, momenti di magia e sogno in un capannone prima dismesso e poi attrezzato da fantasia, passione e amore per la bellezza.

Penso di parlare anche a nome di tanti altri giovani, colleghi e compagni di chiacchierate che in posti di libera aggregazione possono trovare il proprio modus operandi , che vedono nella libertà l’unica via di espressione di se stessi. Penso di parlare a nome di quanti all’Angelo Mai si sono sentiti a casa.

Vorrei esprimere tutto l’appoggio che tanti di noi stanno dimostrando a quel luogo e a chi lo sostiene da tutti i versanti: dalla cucina, all’organizzazione, ai laboratori e ai musicisti nazionali e internazionali che si sono esibiti su quel palco.

Non riesco ad esprimere bene il senso di disfatta e dispiacere che in queste ore mi hanno resa tanto impotente… Trovare un luogo in cui star bene e poi vederselo portare via è come sottrarre un rifugio.

Mi dispiace che in Italia iniziative culturali dal basso vengano inibite a tal punto, piuttosto che venire integrate in una rete più ampia che in qualche modo li riconosca e li accetti! La riflessione a questo punto si fa ben più vasta e potrebbe iniziare con la solita lunga serie di domande…

Ho letto tra le dichiarazioni (oltre ai capi d’accusa che hanno portato perfino alla perquisizione di abitazioni private)  parole assurde tipo “associazione a delinquere”, “istigazioni sovversive”… Sovversive? La cultura indipendente e sostenuta dal basso fa paura certo, ovvio, è sovversiva… Oppure “l’arte faccia arte” e non si immischi in faccende politiche… certo, solo perché esprime un certo colore politico… e che male c’è? Non si è liberi di farlo rispettosamente in questo paese? Siamo o no un paese libero? No, forse non lo siamo…

E poi ancora “l’arte faccia arte”, e come potrebbe mai? Se i pochi fondi dell’Italia non bastano neppure per scuola e sanità, si giustificano, ovviamente non possono essere investiti nell’arte! D’accordo, allora lasciate almeno  che l’arte si autofinanzi, si autodetermini e si autogestisca!!! No, neppure questo va bene.

… Io di domande ne ho tante e da sempre… per favore, qualcuno inizi a dare risposte! Siamo in tanti ad averne bisogno. Grazie!

20140319_192032Indirizzo non trovato. Tutti i bei concerti in locandina sono stati sequestrati.

Annunci

One comment

  1. Pingback: Una musica può fare. | Biancalba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...