Life is sweet

25 aprile 2014 era il giorno tanto atteso; una data simbolo scelta per una liberazione dai plurimi significati. Ieri infatti, oltre a festeggiare l’anniversario della liberazione dell’Italia dal regime nazista, tanti estimatori musicali hanno festeggiato l’uscita del primo singolo di un inedito trio.

Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè, amici nella vita e sul palco, hanno deciso di intraprendere un viaggio insieme. Dopo percorsi su vie parallele e incontri agli stessi incroci, finalmente, tutti e tre con lo stesso pulmino sulla stessa strada.

Il brano è stato accolto con entusiasmo e felicità al cubo, soprattutto da chi li ha sempre amati anche singolarmente. Un amalgama di metalli preziosi in cui ciascuno dei tre ha mantenuto comunque la sua caratteristica distintiva. Lo hanno fatto, credo, soprattutto attraverso il testo (che viene riportato nel video, ma che ho trascritto anche qui sotto). Soprattutto dalle parole, si evince la presenza identitaria di ciascuno dei tre: c’è il pensiero filosofeggiante di Gazzè, c’è la riflessione intimista di Fabi e ci sono il collettivismo e la condivisione di Silvestri (sempre un po’ più acceso da fervori politici).

Distesi (o sdraiati, come direbbe qualcuno) e pensosi, incuranti del passare del tempo, consapevoli anzi della sua relatività, ci si chiede piuttosto quale sia la meta del viaggio… Una partenza che indugia ancora un po’ prima della salita, in attesa che le ruote si liberino dal fango… Una partenza è comunque una fortuna, tra l’altro siamo in tanti (ricordiamocelo per sentirci meno soli), tutti importanti, e insieme e più vicini potremo essere anche più forti.  Peccato che restiamo comunque un po’ lontani… Soprattutto per incomunicabilità e incomprensioni verbali (sospetto io).

Perciò,  dove le parole, da sole, non possono, spesso può la musica…Quella del trio poi sicuramente.

Dietro all’ottimismo del titolo e  alla leggerezza dell’arrangiamento, ci sono matura(ta) consapevolezza e propositività realista. Una canzone per chi voglia ripartire da nuovi punti di vista, ricordando che in fondo, anche se l’aria non è più la stessa, bisognerebbe ogni tanto passeggiare a piedi nudi con le scarpe in mano…la vita è dolce!

Ecco il testo:

Disteso sul fianco, passo il tempo, passo il tempo, fra intervalli di vento e terra rossa

cambiando, cambiando prospettive, cerco di capire il verso giusto, il giusto slancio per ripartire (Gazzè).

Questa partenza è la mia fortuna, un orizzonte che si avvicina,

sotto il mio camion c’è la mia cucina

e intanto aspetto, aspetto, aspetto… che il fango liberi le mie ruote, che la pianura calmi la paura, che il giorno liberi la nostra notte, tutti insieme tutti insieme (Fabi)

Ma tutti insieme siamo tanti, siamo distanti, siamo fragili macchine che non osano andare più avanti. Siamo vicini, ma completamente fermi. Siamo i famosi istanti divenuti eterni.

E continuare per questi pochi chilometri sempre pieni di ostacoli e baratri da oltrepassare, sapendo già che tra un attimo ci dovremo di nuovo fermare. (Silvestri)

Da qui passeranno tutti o non passerà nessuno, con le scarpe nelle mani, in fila ad uno ad uno…

Da qui passeranno tutti, fino a quando c’è qualcuno perché l’ultimo che passa vale come il primo…

Life is sweet

Un ponte lascia passare le persone,

un ponte collega i modi di pensare,

un ponte, chiedo solamente un ponte per andare, andare, andare… (Gazzè)

 

E non bastava già questa miseria… Alzarsi e non avere prospettiva e le punture quando viene sera e la paura, la paura… (Fabi)

 

E’ la paura che ci arresta, che ci tempesta, non insetti che volano, ma proiettili sopra la testa,

è una puntura, ma direi che è un po’ diversa… La cura c’è, ma l’aria non è più la stessa (Silvestri) 

E continuare non è soltanto una scelta, ma la mia sola rivolta possibile… Senza dimenticare che dopo pochi chilometri ci dovremo di nuovo fermare (Silvestri)

Da qui passeranno tutti o non passerà nessuno, con le scarpe nelle mani, in fila ad uno ad uno…

Da qui passeranno tutti, fino a quando c’è qualcuno perché l’ultimo che passa vale come il primo…

Life is sweet

A prescindere dal tempo che è un concetto qui inutilizzabile, mi basterebbe avere un posto giusto da raggiungere (Gazzè)

Da qui passeranno tutti, fino a quando c’è qualcuno perché l’ultimo che passa vale come il primo…

Life is sweet

 

In attesa del tour che li vedrà protagonisti (tutti e tre insieme) prossimamente, noi ci godiamo il loro primo singolo!

#LifeIsSweet è diponibile su Itunes:
https://itunes.apple.com/it/album/life-is-sweet-single/id860608063

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...