Better

Qui piove e tuona, ma tra poco poggerò i piedi su una terra uguale e diversa… ogni rientro mi trova sempre un po’ diversa, a volte in peggio. Questa volta in meglio.

Porto con me un trolley a mano, una valigia da imbarcare e un bagaglio interiore che peserà troppo sulle bilance dei controlli aeroportuali. Vestiti nuovi che ho usato, abiti logori che ancora non butto, ma ormai smessi da un po’. Maschere che dovrò indossare e sorrisi che comprerò sul posto.

Ho una voglia matta di volare e già mi sento in gola lo stomaco in subbuglio del decollo. Quella infantile sensazione di stare sulla giostra del parco giochi vicino casa.

Tra poco annasperò nel mio mare salato e amato, annuserò l’aria e sarà il vento salmastro di quella lingua di terra che mi ha partorito.

Non si dimentica l’origine, ma tra questa e la sua fine c’è la vita… E quella non sai dove ti fa volare. Io sono solo una foglia sospinta dal mio vento. E il mio vento cambia sempre.

 

Non so perché, ma questa romantica ballata accompagna il difficile distacco dalla città eterna…

 

Annunci

LIVE REPORT: Paolo Nutini @ Rock in Roma 2014 [RM] – 19/7/2014

JUST KIDS

Live report di Clara Todaro, tutte le foto di Fabrizio Bisegna

Se l’ultima immagine che avete impressa nella memoria è quella di un ragazzo dal bel visetto nascosto sotto la frangetta cadente sulla fronte, con un paio di jeans e una t-shirt che sembrano puliti, cancellatela e figuratevi un Paolo Nutini con una nuova mise e un aspetto molto più maturo. Sembra davvero avere indossato delle scarpe nuove.

È salito sul palco del Rock in Roma lo scorso 19 luglio presentando Caustic Love, il terzo e ultimo album, uscito dopo una ricerca durata ben cinque anni. La crescita artistica si vede e si sente. Indossa uno stile total black, con una giacca di pelle nera che toglierà solo a metà concerto e che gli dà tanto l’aria del latin lover anni ’60. Quando non suona tiene entrambe le mani sul microfono attaccato all’asta e canta col capo reclinato…

View original post 629 altre parole

Vorrei poter prendere il treno, da sola.

<<Le donne non sono una fauna speciale e non capisco per quale ragione esse debbano costituire, specialmente sui giornali, un argomento a parte: come lo sport, la politica e il bollettino meteorologico. Il padreterno fabbricò uomini e donne perché stessero insieme, e dal momento che ciò può essere piacevole, checché ne dicano certi deviazionisti, trattare le donne come se vivessero su un altro pianeta dove si riproducono per partenogenesi mi sembra privo di senso. Ciò che interessa gli uomini interessa le donne: io conosco uomini (assolutamente normali, badate) che leggono Harper’s Bazaar e donne (assolutamente normali, badate) che leggono il “fondo” delTimes: ma non per questo sono più cretini o cretine degli altri. Così, quando qualcuno mi chiede: “Lei scrive per le donne?” oppure “Lei scrive sulle donne?” io mi arrabbio profondamente.

[…]

E come un tale che non si ricorda di avere le orecchie perché ogni mattina se le ritrova al suo posto, e solo quando gli viene l’otite si accorge che esistono, mi venne in mente che i problemi fondamentali degli uomini nascono da questioni economiche, razziali, sociali, ma i problemi fondamentali delle donne nascono anche e soprattutto da questo: il fatto di essere donne.

Non alludo solo a una certa differenza anatomica. Alludo ai tabù che accompagnano quella differenza anatomica e condizionano la vita delle donne nel mondo. Nei paesi mussulmani, ad esempio, nessun uomo ha mai nascosto la faccia sotto un lenzuolo per uscir nelle strade. In Cina nessun uomo ha mai avuto i piedi fasciati e ridotti a sette centimetri di muscoli atrofizzati e di ossa rotte. In Giappone nessun uomo è mai stato lapidato perché la moglie ha scoperto che non era vergine. (Si dice così per un uomo? Vedete: non esiste nemmeno la parola).>>

 

ORIANA FALLACI, da “Il sesso inutile” (pp. 5-7)

RESTIAMO UMANI!

Dopo i recenti attacchi da parte dell’esercito israeliano, in questi giorni si contano già troppi civili tra i morti e i feriti sulla striscia di Gaza.

Qualche mobilitazione c’è stata anche a livello regionale, ma in seguito a un appello lanciato dal coordinamento Freedom Flotilla Italia, con l’appoggio di pochi altri, ieri a farsi sentire è stata Roma, dove nel pomeriggio si è tenuta una manifestazione nazionale in difesa del popolo palestinese e della popolazione di Gaza.

Un discreto corteo ha sfilato pacificamente da Piazza Vittorio a Piazzale Tiburtino passando per Porta maggiore, Scalo San Lorenzo e via dei Reti. La partecipazione c’è stata, ma forse non con i numeri sufficienti per destare l’attenzione e l’interesse dell’opinione pubblica verso un massacro che, a prescindere dai motivi per i quali viene perpetuato, è di per sé da condannare.

Lungi dall’essere atteggiamenti antisemiti, alle emergenze umane bisognerebbe rispondere e correre in aiuto. Tuttavia è necessario un presupposto oggi per nulla scontato: l’umanità.

 

IMG_20140725_012155  IMG_20140725_013545  IMG_20140724_200609   IMG_20140725_012914  IMG_20140725_014020    IMG_20140725_014649

 

 

LIVE REPORT: Franco Battiato & Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini @ Centrale Live [RM] – 14/7/2014

Una nuova partenza… Grazie a Just Kids!

JUST KIDS

Live report di Clara Todaro

Lunedì 14 luglio si è tenuto a Roma il concerto di Franco Battiato con l’Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini, presso il Centrale Live del Foro Italico. Se i botteghini non hanno registrato il tutto esaurito, saranno stati davvero un paio i biglietti invenduti, perché sia tribune che platea erano gremite. Oltre che caldissime.

Ore 21:15 – l’orchestra inizia ad accordare gli strumenti. Il tempo sembra volerci graziare e l’aria è piacevolmente fresca. Il cielo, prima foriero di pioggia, sta lasciando spazio a squarci di azzurro sereno. In tribuna centrale, a metà tra cielo e terra, si gode un’ottima visuale del palco e dell’orizzonte all’imbrunire. Tra luci artificiali e naturali l’orchestra apre il concerto: un bel quarto d’ora di ouverture con un violoncello e uno xilofono in prima fila… non è solo un gruppo di appoggio. È la Filarmonica Arturo Toscanini che sta preparando la…

View original post 592 altre parole